Vincent Van Gogh

Martedì 10 aprile 2018, gli allievi della classe VAET si sono recati al Kinemax di Monfalcone per vedere il film documentario “Van Gogh, tra il grano e il cielo”. Il film ha presentato la figura del pittore olandese attraverso il lascito della sua più grande collezionista privata: Helene Kröller-Müller (1869-1939), la donna che ai primi del Novecento giunse ad acquistare quasi 300 suoi lavori, tra dipinti e disegni. 

La visione di questo film ha portato a compimento l’approfondimento sulla figura di Vincent Van Gogh, svolto dagli allievi della classe VAET, durante il corrente anno scolastico, in più tappe:

  • il 16 ottobre 2017, sempre al Kinemax di Monfalcone, è stato proiettato il film d’animazione “Loving Vincent” che ripercorre gli ultimi anni di vita del pittore, mettendone in dubbio il suicidio.

Il film, che ha ottenuto una nomination agli Oscar, è stato interamente dipinto su tela, rielaborando oltre mille dipinti, per un totale di più di 65.000 fotogrammi realizzati da 125 artisti;

  • il 2 febbraio 2018, i ragazzi si sono recati al Teatro Rossetti di Trieste per vedere lo spettacolo “Van Gogh, l’odore assordante del bianco” con Alessandro Preziosi; il dramma si concentra sul periodo in cui il pittore venne ricoverato nell’ospedale psichiatrico di Saint-Remy de Provence;
  • il 6 febbraio 2018, la classe si è recata a Vicenza per visitare la mostra “Van Gogh, tra il grano e il cielo”, presso la Basilica Palladiana, che presentava un numero altissimo di opere del pittore olandese, 43 dipinti e 86 disegni. Si è trattato di un’occasione unica, dal momento che i disegni stessi non sono mai esposti e restano visibili solo per poco tempo nelle mostre temporanee.  

La mostra ha ricostruito l’intera vicenda biografica dell’artista, partendo dagli anni olandesi per giungere alla conclusione con i settanta febbrili giorni di Auvers-sur-Oise.

Le lettere, inviate dal pittore al fratello Theo, sono state il filo conduttore della mostra; dalle prime lettere legate all’attività artistica del settembre del 1880, quando compaiono i primi disegni, fino a quella conclusiva, trovatagli in tasca quando si spara un colpo di rivoltella, alla fine del luglio del 1890, a Auvers-sur-Oise.

L’intero percorso formativo ha trovato il pieno favore tra gli alunni che hanno dimostrato, in ogni occasione, di voler interloquire e confrontarsi tra loro e con il docente in maniera critico - costruttiva. La partecipazione a tutti gli eventi è stata piena e coinvolgente, tanto da poter valutare, anche per i prossimi anni, attività formative della stessa specie.

Infine, si sottolinea che alle attività del 16 ottobre e del 6 febbraio hanno partecipato anche gli allievi della classe VBET.


Pubblicata il 18 aprile 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Approfondisci